Masseria-Torre-di-Nebbia
Masseria-Torre-di-Nebbia-Room1Masseria-Torre-di-Nebbia-Room2

MASSERIA TORRE DI NEBBIA – SUITE DOPPIA

Descrizione

Torre di Nebbia è un’antica masseria costruita interamente con pietre all’inizio del 1800 e situata nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia.

Descrizione

Riportata alla sua gloria originale grazie a un accurato lavoro di restauro seguito personalmente dai suoi due proprietari, gli avvocati Michelangelo De Benedittis e Antonella Martinelli, oggi la Masseria Torre di Nebbia è un’elegante, affascinante residenza posta nella suggestiva campagna della Murgia ai piedi di Castel del Monte e circondata da un paesaggio naturale tra soffici mandorli e dorati campi di grano.

Il restauro dell’interno, diretto dall’architetto d’interni Domenico De Palo, mette insieme le pietre bianche dei muri con un semplice ed essenziale progetto d’interno che lo rende un luogo unico e incantevole.
Due grandi sale da pranzo ammobiliate con stile ed eleganza, e un ampio spazio aperto fuori, dominato dal biancore delle pietre e dei muri di pietra secca dove si erge una vecchia quercia maestosa, costituiranno l’ambiente ideale per qualunque evento: matrimoni, convegni, congressi, feste private, mostre e conferenze.

Informazioni aggiuntive

Facilities

Air Conditioning, Bathroom, Free WiFi, Hairdryer, Telephone, Television, Toilet

Type

Adventure, Beach, Cultural, Romantic, Sport, Wellness & Relax, Wine & Food

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “MASSERIA TORRE DI NEBBIA – SUITE DOPPIA”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salendo sulla Murgia a 232 metri sopra il livello del mare si raggiunge Corato, in un’importante zona agricola dedicata alla coltivazione dell’uva e delle olive.

Si trova 43 km a ovest della principale città pugliese ed è il comune con il maggior numero di abitanti: 43.078 ( “coratini”). L’intera area è di 167. 7 Km2 ed è collegata con la ferrovia a Bari e Barletta e in pullman a Bari e Trani. La pianta della città di Corato è estremamente insolita a forma di aureola, e parte da un nucleo costituito dalle case del centro storico circondato da strade circolari concentriche. Il primo sviluppo in queste terre è dovuto alla presenza di acqua sotterranea che è stata facilmente deviata. La città che sorse su questi luoghi fu chiamata Corinium. Su questo insediamento i Romani costruirono la città che oggi è Corato. Tuttavia, l’esistenza di Corato è stata documentata solo a partire dal periodo bizantino. E ‘diventato una fortezza romana e nel periodo feudale appartenne ai Carafa di Andria (1615).

Il 13 febbraio 1503 tredici cavalieri italiani, guidati da Ettore Fieramosca, si scontrarono con tredici cavalieri francesi nel territorio di Corato, dando vita alla famosa “Disfida di Barletta”. Nel 1583 fu eretto un monumento in memoria di quella sfida cavalleresca: “l’edicola della Disfida di Barletta “. I francesi distrussero il monumento nel 1805, ma gli italiani lo ricostruirono nel 1846. Un riferimento storico più recente risale al 1922-1923, quando Corato fu servita dall’acquedotto pugliese.

L’innalzamento del livello delle acque sotterranee danneggiò molti centri abitati e numerose case hanno subito l’allagamento degli scantinati. La Chiesa di Santa Maria Maggiore (Chiesa Madre) è stata costruita tra il XI e il XIII secolo. Lo stile medievale è stato rimaneggiato più volte. Il portale è del XIII secolo, mentre il campanile è del XIV secolo. Sono conservati affreschi del Rinascimento.